Edison luce e gas

Quante volte ci siamo lamentati all’arrivo della bolletta bimestrale di luce e gas? E diciamoci la verità, per sentirci in pace con noi stessi, lanciavamo la colpa su figli e partner?

Oggi possiamo trovare una comoda e rapida soluzione e se intendiamo risparmiare qualcosina (e con i tempi che corrono è cosa ben gradita) non ci resta che provare Edison Luce&Gas.

La nuova compagnia leader nel settore energetico che, grazie alle sue centrali elettriche e di gas, (le più efficienti  ed ecologiche d’Europa ) e alla sua ormai affermata esperienza sia nella produzione che commercializzazione delle fonti di energia , offre un sistema innovativo e tecnologico con un solo scopo : tagliare i costi delle  nostre bollette!

Passare ad Edison è estremamente semplice : non c’è bisogno di sostituire il nostro impianto, nessun tecnico invaderà la nostra casa e durante il passaggio i servizi non saranno mai interrotti, evitando così spiacevoli inconvenienti.

Basta chiamare il numero verde attivo 24h su 24h, 7 giorni su 7 oppure visitando il sito presente in rete.

Oltre a riscontrare vantaggi economici scoprirete che la lettura delle bollette non è mai stata così semplice : mettono in risalto quali sono stati i consumi effettivi e quindi quello che ci spetta pagare nel periodo indicato. Cosa aspettate?

Mediazione e Conciliazione

Si tratta di organismi privati assoggettati a forme di controllo da parte del Ministero di Giustizia cui è devoluta la mediazione in materia di diritto societario e di intermediazione finanziaria, nonché in materia bancaria e creditizia. Caratteristica essenziale della mediazione è che se le parti non raggiungono l’accordo, mantengono intatti le loro pretese e il diritto di promuovere l’azione in giudizio o dare avvio a un procedimento arbitrale: tuttavia, a norma dell’art. 41, comma. 5, D. Lgs. 5/2003, la mancata comparizione di una delle parti e le posizioni da esse assunte dinanzi al mediatore sono valutate dal giudice nell’eventuale successivo giudizio ai fini della decisione sulle spese processuali.

I mediatori possono essere:

  • un magistrato in quiescenza;
  • un professore universitario di ruolo di materie giuridiche o economiche anche in quiescenza;
  • un professionista iscritto in albi professionali di materie giuridiche o economiche da oltre 15 anni anche se successivamente cancellati non per motivi disciplinari;
  • un laureato che abbia seguito con successo un corso specifico di formazione per conciliatori, che sia stato svolto in conformità a quanto prescritto dalla determinazione assunta dal Responsabile del registro a norma dell’art. 10, comma. 5, d.m. 222/2004.

Ciascun organismo di conciliazione  deve avere almeno sette conciliatori che abbiano dato esclusiva disponibilità al richiedente (art. 4, comma 3, lett. 222/2004), fermo restando ciò nessuno può dichiararsi disponibile a svolgere le funzioni di conciliazione per più di tre organismi.

 

Ma la grande novità ed opportunità per la conciliazione è rappresentata dall’art. 60 (Delega al Governo in materia di mediazione e di conciliazione delle controversie civili e commerciali) del 18 giugno 2009 che prevede un ampliamento del campo di applicazione della conciliazione che avrà per oggetto controversie su diritti disponibili, senza, ovviamente, precludere l’accesso alla giustizia.

Il 19/02/2010 il Consiglio dei Ministri, con Decreto Legislativo, ha dato attuazione al suddetto articolo 60 della legge 19 giugno 2009, n. 69, recante delega al Governo in materia di mediazione e di conciliazione delle controversie civili e commerciali.

La conciliazione è stata definita (art.1) come la composizione di una controversia a seguito dello svolgimento della mediazione e possono essere oggetto di mediazione per la conciliazione le controversie civili e commerciali vertenti su diritti disponibili.

Per le controversie nelle materie di seguito indicate l’esperimento del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità (art. 5):

1.     condominio

2.     diritti reali

3.     divisione

4.     successioni ereditarie

5.     patti di famiglia

6.     locazione

7.     comodato

8.     affitto di aziende

9.     risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e da diffamazione con il mezzo della stampa e la circolazione degli autoveicoli e natanti

10.  contratti assicurativi, bancari e finanziari

Il verbale di accordo è omologato dal presidente del tribunale nel cui circondario ha sede l’organismo ovvero, nell’ipotesi di esecuzione transfrontaliera, nel cui circondario l’accordo deve essere eseguito e costituisce titolo esecutivo per l’espropriazione forzata, per l’esecuzione in forma specifica e per l’iscrizione di ipoteca giudiziale.

Per Domande e Conciliazioni Rivolgersi a Iscoadr visitando il sito web www.iscoadr.it

Se tutti gli uomini..se tutte le donne…

Qualche giorno fa ho ritrovato tra milioni ci cianfrusaglie una pagina della rivista “donna moderna”. Di rado conservo una pagina di qualche settimanale, ma questa l’ho trovata particolarmente significativa. Rileggendola ho pensato che ognuno di noi dovrebbe stampare e conservare questa pagina e rispolverarla di tanto in tanto per ricordarci di ciò che siamo e di ciò che non siamo (per fortuna). Da notare che l’elenco delle cose che “renderebbero migliori gli uomini” è più lungo rispetto a quello delle donne…

L’articolo è di Francesca Magni.

 

Elenco delle cose che renderebbero migliori le donne, se tutte le donne le mettessero in pratica. Smettere di sentirsi non abbastanza belle.Smettere di sentirsi troppo belle. Considerare lo sguardo di un uomo uno sguardo, non un premio. Tra gli amori mettere al primo posto l’amor proprio. Non scambiare un uomo per una scorciatoia. Prima di fare lo sgambetto a una donna immaginare di essere lei. Dopo aver fatto lo sgambetto a una donna immaginare di essere lei. Accettare l’idea che se un marito tradisce non è colpa di quella che l’ha sedotto. Leggere le poesie di Pablo Neruda per riconciliarsi col genere maschile. Leggere le poesie di Anna Achmatova per riconciliarsi con se stesse. Smettere di pensare che tra due impegni se ne può sempre infilare un terzo. Parlare di sesso e di amore con le figlie. Parlare di sesso e di amore con i figli. Sentirsi madri riuscite se i figli se ne vanno. Chiedere un aumento quando si sa di meritarlo. Conservare la certezza di meritarlo anche se è stato rifiutato. Far lavare a lui i piatti anche se riduce la cucina a un pantano. Spiegare alle figlie e ai figli che la vita non è un casting. Uscire con le amiche. Preferire la solitudine alla compagnia di un uomo che umilia. Dire: no, grazie. Dire: non sono in vendita.Dire: non sono uno spazio pubblicitario libero. spegnere la tv se mostra donne inutilmente nude. A chi dice che in Italia è tutto uno schifo rispondere: io sono italiana e non sono uno schifo. Di chi vuol sempre trovare un risvolto meschino nelle cose buone, pensare che è un’insicura. Se si riceve un torto, non tacere. Se si riceve un torto, scacciare il dubbio di meritarselo. Se si prova ostilità verso altre donne domandarsi: perché mi fanno paura? Usare ironia anche con chi non la capisce. Amare e rispettare gli uomini perché ci permettono di sentirci veramente noi. Amare e rispettare le altre donne perché senza di loro non possiamo essere veramente noi. Elenco delle cose che renderebbero migliori gli uomini, se tutti gli uomini le mettessero in pratica. Smettere di sentirsi non abbastanza potenti. Smettere di sentirsi troppo potenti. Considerare la scollatura di una donna una scollatura, non un’offerta. Tra gli amori mettere al primo posto l’amor proprio. Non scambiare una donna per un trofeo. Prima di umiliare una donna immaginare di essere lei. Dopo aver umiliato una donna immaginare di essere lei. Accettare l’idea che se una moglie tradisce non è perché è una puttana. Smettere di invidiare gli uomini che esibiscono molte conquiste. Leggere le poesie di Pablo Neruda per imparare a parlare alle donne. Leggere le poesie di Anna Achmatova per capire cosa sentono le donne. Smettere di credere che se si ha un impegno non se ne possa prendere un altro. Parlare di sesso e di amore con le figlie. Parlare di sesso e di amore con i figli. Sentirsi padri riusciti se i figli hanno rispetto di entrambi i genitori. Smettere di cercare una donna che li ami come la mamma da piccoli. Accettare l’idea che il lavoro non finisce fuori casa: c’è anche quello dentro casa. Lavare i piatti senza ridurre la cucina a un pantano.Spiegare alle figlie e ai figli che la vita non è un casting. Uscire con gli amici. Preferire la solitudine alla compagnia di una donna a pagamento. Preferire la solitudine alla compagnia di una donna costretta a far loro compagnia. Dire: no, grazie. Dire: mi piacerebbe. Dire: non venderti, io non ti compro. Dire: la tua minigonna è provocante ma io non raccolgo le provocazioni. Spegnere la tv se mostra donne inutilmente nude. A chi dice che in Italia è tutto uno schifo rispondere: io sono italiano e non sono uno schifo. Degli uomini che esibiscono molte donne pensare: sono deboli. Se si prova fastidio o aggressività per una donna domandarsi: perché mi fa paura? Usare ironia anche con chi non la capisce. Amare e rispettare le donne perché è questo che rende uomini. Emarginare gli uomini che non amano e non rispettano le donne, perché senza di loro ci saranno uomini migliori.

Droga in vagina, il “vantaggio” di essere donne?

Scranton, Pennsylvania . Le forze dell’ordine del posto sono intervenute sul luogo  di un incidente che vedeva coinvolta Karin Mackaliunas.

 

Gli agenti, avevano ricevuto una segnalazione di una persona la cui descrizione corrispondeva a quella di Karin. Questa ragazza segnalata, aveva commesso un furto nelle vicinanze. Perquisendo la giacca della “sfortunata”, hanno trovato tre buste di eroina. Inevitabilmente, la hanno arrestata e portata in centrale per ulteriori controlli. Proprio qui, alla fine la ragazza ha confessato di avere nascosto altra droga… in un posto che hanno solo le donne.

La Mackaliunas è stata portata in ospedale, dove del personale medico la ha “perquisita”. Effettivamente, la ragazza aveva nascosto qualcosa nella sua vagina. Molte più cose di quelle che poliziotti e medici immaginavano. L’elenco dei reperti sequestrati dalla vagina di Karin è stato alla fine questo:

•             54 buste di eroina

•             31 buste vuote precedentemente usate per contenere eroina

•             8 pillole e mezzo di medicinali

•             51 dollari e 22 cents, in banconote e monete.

E noi povere comuni mortali che  continuiamo ad usare la borsa!!!

Caro benzina, nuovo record.

Non si ferma l’ascesa del prezzo del carburante nelle stazioni di rifornimento. A quanto pare il prezzo della benzina, ha raggiunto un nuovo record mai visto negli anni passati in Italia, avvicinandosi sempre  più alla soglia di un 1 euro e 60 centesimi al litro, cosa che fino a pochi mesi fa, poteva sembrare surreale solo a parlarne. Tutto questo sta causando un generale aumento del costo della vita e quindi del tasso di inflazione. Secondo calcoli ben precisi, tale fenomeno ha fatto calare il potere di acquisto delle famigie, di circa 200 euro all’anno, rispetto al normale. A tal proposito l’associazione dei consumatori è intervenuta sulla questione, al fine di tutelare il bilancio delle famiglie, chiedendo al Governo di attivarsi sul problema, al fine di evitare che ci siano aumenti ingiustificati dei prezzi dei carburanti. Si stima che se non si prenderanno provvedimenti utili  per mettere un blocco agli aumenti dei prezzi e a frenare il tasso di inflazione , il prezzo della benzina potrebbe arrivare ad 1 euro e 70 centesimi al litro , nel giro di pochi mesi.