KAMA-SUTRA:UN TESTO SUL BENESSERE SCAMBIATO PER ………

Se si domanda che cosa sia il Kama-sutra nella maggioranza dei casi si ottiene una risposta del tutto errata. L’opinione comune lo identifica con un libro sulle posizioni del rapporto sessuale. Eppure solo un misero 20 per cento di questo testo è dedicato alle posizioni. Il Kama-sutra è un antico trattato indù sull’erotismo, diviso in sette parti, il cui autore è Vatsyayana Mallanga ed è considerato come l’opera più importante nella letteratura sanscrita sull’amore. La parola Kama significa “piacere” o “benessere” (in senso lato) e Sutra significa “trattato”. E’, dunque, un trattato sul piacere, sull’arte di vivere. La scienza erotica a cui questo testo appartiene, insieme a tanti altri, è una delle tre principali scienze umane dell’India antica, insieme al diritto religioso e sociale e alla scienza del potere politico ed economico. Il Kama-sutra si apre con una discussione sui cosiddetti “fini dell’esistenza” identificati da Vatsyayana nel dharma, nell’artha e nel kama, cioè nel dovere, nel successo e nel piacere, quest’ultimo inteso non soltanto in senso sessuale ma più genericamente sensuale (la musica, il buon cibo, i profumi ecc.). Accanto al Kamasutra per l’autore andrebbero studiate tante altre arti come il canto, la musica strumentale, la danza, la pittura, la lettura, la composizione letteraria, le buone maniere e le capacità atletiche. Ci sono dei capitoli splendidi sui “modi di abbracciare” (per Vatsyayana un uomo ed una donna usano quattro tipi di abbracci per manifestare i segni del loro amore) e sulle “varietà di baci”. La terza parte del trattato riguarda il corteggiamento e le tecniche per “entrare nelle grazie” dell’amata. Subito dopo c’è una parte dedicata alle mogli, “proprie” e “altrui”, e al loro corretto comportamento; si passa alle istruzioni per le cortigiane ed infine all’erotismo esoterico con simpatici capitoli sugli “stimolanti della virilità” (ad esempio latte zuccherato in cui siano stati messi in infusione pepe e liquirizia) e sui “modi per ravvivare la passione”. Anche se questo testo è stato scritto in tempi antichi e per condizioni molto lontane dalle nostre credo che debba essere letto tutto per capire il suo vero contenuto e la sua vera realtà; alla fine si rimarrà solo affascinati dalla bellezza di un libro che è tutt’altro che un manualetto pornografico.